Cosa sono e come funzionano i pannelli fotovoltaici?

Una delle strategie per i progetti di design più responsabile con l’ambiente cercando di sfruttare le risorse naturali in modo tale da ridurre al minimo l’impatto ambientale è l’uso di pannelli solari fotovoltaici.I pannelli solari fotovoltaici sono gli elementi che sono posizionati sui tetti degli edifici, che cattura l’energia del sole durante il giorno e la conversione in energia elettrica, ottenendo così un risparmio di energia durante la vita utile dell’edificio.L’integrazione di questo sistema nei progetti, oltre al raggiungimento di un minore impatto ambientale e convertire il cliente in un’azienda socialmente responsabile, anche benefici tramite il conseguimento di un risparmio di energia elettrica i costi.

Uso di pannelli solari fotovoltaici

Uso di pannelli solari fotovoltaici

La possibilità di convertire la luce solare in elettricità (fotovoltaico) è stato scoperto nel 1839 dal fisico francese Alexandre-Edmond Becquerel; tuttavia abbiamo dovuto aspettare circa 50 anni per l’invenzione della prima cella fotovoltaica (che cosa ha fatto l’americano Charles Fritte nel 1883) e poco più di un secolo per il brevetto  della prima cella solare moderna (1946, Russell Calzolaio Ohl, USA). Attualmente l’energia solare è uno dei più frequentemente utilizzati strategie nella progettazione di progetti sostenibili e pannelli solari fotovoltaicosevolucionan rapidamente verso strutture più accessibile e conveniente.

La generazione di energia: pannelli e collettori.

La luce e il calore del sole può essere utilizzato in due modi: per la generazione di elettricità o di calore, l’acqua o l’aria. In modo che il sistema funziona di due premesse: la trasformazione dell’energia solare in energia elettrica attraverso pannelli, e l’uso di calore per riscaldare l’acqua delle docce e piscine, il cosiddetto collettori solari. È, infatti, di sistemi complementari, dal momento che da un lato si ottiene energia elettrica per l’illuminazione e il funzionamento dei diversi manufatti, e, per l’altro, consente di risparmiare energia sfruttando la luce solare per ottenere acqua calda e di aria condizionata ambienti, infatti, che rappresenta il più grande consumo di energia elettrica nelle abitazioni, uffici e industria.

• Pannelli: i pannelli sono una rete di cellule che sono composti da due fogli sottili di silicio; energia solare che raggiunge i cristalli in forma di fotoni, una forza di trasporto di particelle di luce e radiazioni. I fotoni interagiscono con il silicio, il rilascio di atomi che formano una corrente elettrica continua tra i due strati di cristalli. L’energia elettrica così prodotta viene condotta attraverso sistemi di batterie per lo stoccaggio e trasformatori che la converte in corrente elettrica alternata che viene normalmente utilizzato nel nucleo familiare; anche può essere iniettato per la rete elettrica non è utilizzato.

• I collezionisti: si tratta di dispositivi che consentono di trasferire l’energia solare per l’acqua o l’aria sotto forma di calore. Essi sono costituiti da una piastra di assorbimento di un colore scuro, e i tubi di circolazione, che si trova it-pannellisolari in una scatola di metallo con isolamento e da un coperchio di vetro o di plastica; la piastra assorbe la radiazione solare e la trasferisce il calore al fluido termovettore che circola attraverso i tubi.

Tipi di installazione dei pannelli solariTipi di installazione dei pannelli solari

I pannelli fotovoltaici devono essere installati con una certa pendenza su tetti di edifici o in terreno aperto, per massimizzare l’assorbimento dell’energia solare. Può essere fissa o mobile.
• Strutture fisse: si tratta di semplici strutture, che riducono in modo significativo i costi di installazione.
• Strutture mobili: l’inclinazione dei pannelli è modificato con un motore e sensori per ottenere un’incidenza ottimale dei raggi del sole per tutto il giorno, che rappresenta il maggiore assorbimento di energia rispetto a pannelli fissi. Anche se sono più costosi rispetto a strutture fisse, il loro utilizzo è sempre più diffuso.

Forme di utilizzo dei pannelli solari

L’installazione di pannelli solari può essere progettato per soddisfare le esigenze specifiche dell’edificio, se si tratta di una singola solareo abitazione familiare o collettiva, gli edifici pubblici o aziende (auto-consumo) o per generare energia e iniettare in rete e di ottenere un compenso economico. Questo tipo di struttura può essere un edificio o a terra.

• I pannelli per l’auto-consumo: essi consentono il risparmio sui costi dell’energia elettrica così come la scelta di uno stile di vita più eco-friendly. L’installazione di pannelli solari sulle case o imprese l’iniziativa si chiama “sistema isolato dalla rete”. Può essere installato in abitazioni, uffici pubblici, aziende e industrie. Anche se i costi di installazione e manutenzione tende ad essere alto, il sistema isolato è considerata la soluzione più economica per la fornitura di energia elettrica, oltre che per l’utilizzo dell’energia fotovoltaica è attraente per i governi e le aziende che desiderano sviluppare politiche pubbliche e imprese.

• I pannelli per uso industriale: L’installazione di pannelli solari in aziende e industrie è più complesso rispetto a sistemi residenziali. Questi sono dei veri progetti di ingegneria in quanto il calcolo del rendimento necessario per l’installazione di rappresentare un risparmio in costi di energia elettrica, è necessario aggiungere i lavori civili compresi strutture, poli, cablaggio, messa a terra, tra gli altri requisiti. Si dovrebbe fare riferimento ai regolamenti in vigore nel comune. L’integrazione di questo sistema in progetti industriali riduce al minimo l’impatto ambientale e la converte il cliente in un’azienda socialmente responsabile.

• I pannelli su edifici: installazione di pannelli solari per vendere energia alla società elettrica deve essere consentito e regolato dai governi. In caso di collettivo abitazioni i pannelli sono installati su tetti, facciate e dei tetti e il reddito che serve a pagare le spese della comunità. Anche dal punto di vista architettonico, la progettazione di nuovi edifici vede l’installazione di impianti fotovoltaici i moduli funzionali, che contribuiscono all’isolamento termico, acustico e luminoso, senza occupare ulteriore spazio. La connessione alla rete è più efficiente, dato che evita l’utilizzo di batterie.

• Impianti di superficie: le piante Sono installati direttamente in terra, noto come “sistema connesso alla rete”. Possono essere grandi impianti di energia solare a livello di aziende agricole, che sono strutture più piccole, progettato come un investimento per vendere l’energia prodotta ai servizi di pubblica utilità. In altri casi, le grandi centrali in grado di operare come raggruppamenti di aziende agricole di piccole dimensioni, circa 100 kWp. Dovrebbe essere consentito e regolamentato dal governo.

• Elettrificazione rurale: un’opzione sempre più utilizzato per fornire energia elettrica case o villaggi lontani dalle reti (in fatto di 2000 milioni di persone nel mondo non hanno accesso all’energia elettrica). Include l’illuminazione pubblica, energia elettrica per il pompaggio dell’acqua per l’irrigazione o il consumo umano e di energia elettrica per esigenze particolari, come ad esempio per il raffreddamento di farmaci in aree remote.

• Stazioni di telecomunicazione, telefonia mobile e ripetitivo, che Rappresentano una soluzione pratica ed efficace in un modo simile per l’elettrificazione rurale, per fornire energia elettrica strutture che sono in luoghi isolati dove non c’è la griglia.

• Segnalazione marittima, ferroviaria, aerea e terra

Negli ultimi anni, l’aumento della produzione e l’utilizzo dell’energia solare bat record del mondo, spinto da un emendamento di sussidi governativi come in Europa e in Giappone; tuttavia, siamo ancora lontani dagli obiettivi fissati dal Vertice di Rio nel 1992: il 34% dell’energia elettrica mondiale ottenuto da energia fotovoltaica nell’anno 2050.

Pubblicato in film

Come si fa a fare un film?

como fare un film

Per fare un film che si deve passare attraverso diverse fasi
Se ieri vi ho parlato dei diversi professionisti coinvolti durante la creazione di un filmato di oggi vi andremo a mostrare le diverse fasi attraverso le quali passano durante questo processo. Questi, in generale, sono tre: pre-produzione, produzione e post-produzione. Guardiamo in profondità.
Iniziamo con la pre-produzione. Nel corso di questa fase, abbiamo fatto tutti i preparativi necessari prima dell’inizio delle riprese del film. Il primo passo è di solito lo sviluppo di uno script, in cui, oltre alla sceneggiatrice può partecipare anche il produttore esecutivo per ottenere il miglior risultato possibile.

Dopo questo, arriva il momento di fare un casting per selezionare gli attori che si esibiranno ciascuno dei ruoli principali del film. In parallelo devono essere effettuati tutti gli adempimenti necessari per l’avvio della ripresa: il finanziamento del progetto, la selezione dei luoghi in cui la registrazione, l’assunzione di personale tecnico che opera nel film, la preparazione dello storyboard che guida la registrazione…Dopo aver completato tutte queste attività devono dare l’inizio della fase di produzione, in cui si svolge durante le riprese del film. Si deve cercare di mantenere per quanto possibile le date precedentemente stabilite in base a una pianificazione, al fine di rendere la maggior parte del tempo e il denaro investito.

Script di film

script
Durante questo processo, che coinvolge un gran numero di professionisti del cinema, è dove diventa realtà tutto ciò che è scritto nella precedente fase. A differenza di quello che molte persone pensano che le scene non sono scritti nello stesso ordine in cui essi sono in finale di repertorio, ma sono organizzati in funzione di vari fattori: la disponibilità di attori, tempo di affitto dei set delle riprese, il tipo di percorsi che appaiono, e così via.
Una volta registrato tutto il materiale inizia la fase di post-produzione, in cui si danno un senso a tutto quello fatto finora. Così, nello studio di montaggio sono selezionati, curati e ordinati, le scene e le sequenze sono più appropriate tra tutti i filmati a disposizione, per dare luogo a quello che sarà il finale di assemblaggio per ottenere le schermate.

Casting per un film

casting
È anche il momento di aggiungere il sonic componente per il film, introducendo la colonna sonora ed effetti diversi nelle scene che lo richiedono. Inoltre, registrare la voce fuori campo che sono coinvolti nel film, e in caso di necessità, possono tornare a ripetere i dialoghi delle scene che non sono state del tutto soddisfacenti.

Una volta completato e collegato a tutto quello che già avete in mano il film nella sua versione finale, all’inizio delle attività volte alla loro promozione e distribuzione. Quindi, sarà rilasciato il lavoro per la stampa specializzata, molte volte durante il film festival, la coppia che ha effettuato una promozione pubblicitaria, che la noto al pubblico in generale.Dopo questo, rimane solo di distribuire le copie del film al cinema per la sua prima, essendo questo il momento in cui l’intero film, per raggiungere il suo vero significato: per raggiungere lo spettatore.

Pubblicato in film

La Produzione Di Film

produzione
La disciplina del film che lo rende possibile.

Il workshop ha l’obiettivo di trasmettere agli studenti gli strumenti e le competenze tecniche richieste per poter svolgere all’interno di un team di produzione di film come una testa, assistente o aiutodi produzione. Inoltre non apprezzo il look del produttore come un generatore di progetti, come una persona in grado di articolazione tra le diverse aree del film e che può aggiungere l’aspetto estetico per i progetti in cui sono coinvolti.
Cercando di promuovere lo sviluppo di un approccio personale su un film che si vuole fare e il film che si desidera vedere e anche incoraggiare gli studenti a produrre progetti che forniscono un nuovo sguardo sul cinema nazionale.

LIVELLO I: dall’idea alla realizzazione del progetto.

1 ° semestre – 16 lezioni di 3 ore settimanali

Questo livello è destinato a portare gli studenti al concetto di produzione di film e a definire quali sono i compiti e le funzioni svolte da parte di un produttore.Aree e ruoli di un team di tecnici, ripartizione di script e su questa base, l’assemblaggio di un piano di lavorazione. Il passo successivo è lo sviluppo di un budget per gli elementi sulla base del lavoro svolto. Durante la scuola di questo primo semestre di lavoro nel corso teorico di formazione dello studente.In parallelo, abbiamo effettuato una proiezione del film, al fine di analizzare e riconoscere quali sono gli elementi narrativi che compongono un film e per posizionare il produttore come il creatore di un progetto cinematografico.

Contenuto del dato:

Unità 1
• Fasi di realizzazione del film: progetto di sviluppo / pre-produzione / riprese / post-produzione / lanciare, esposizione, distribuzione.
• Ruoli del Produttore: un ruolo in ogni fase in base al ruolo: produttore / prod. Esecutivo / Dir. di prod. / testa di prod. / asist. di prod. / assistente di prod. / meritorio.
• Le aree e ruoli di un team di tecnici del film.

Operatore della macchina fotografica sul set

set

Unità 2
• La ripartizione di script.
• Ripresa Del Piano. Piano Di Lavorazione.
• Software per l’elaborazione di un piano di lavorazione e di un piano di lavorazione: Exel / la Magia di un Film di Pianificazione

Unità 3
• Bilancio sulla base della composizione e la ripresa del piano. Elementi.
• Il reclutamento del personale. Sindacati.
• Progettazione per la produzione di: elementi sopra e sotto la linea. Progetti di basso, medio e alto budget.

Unità 4
• Località: ricerca / selezione di località / foto / armati, e la presentazione di posizione

 

LIVELLO II: il lavoro sul campo.

2 ° semestre – 16 lezioni di 3 ore settimanali

Il Livello II di approfondire la conoscenza coperta a livello e copre argomenti di legislazione del cinema, l’assunzione e la responsabilità delle spese, e sindacati. Si concentra il lavoro della fase di sviluppo del progetto: la linea di storia, trama, sagoma, sceneggiatura, il budget, la fase di sviluppo del progetto.
In parallelo, lavora nella formazione del campo di lavoro con la realizzazione di un breve film. Gli studenti dovrebbero sviluppare una cartella e presentare il progetto prima di rotolamento di dei.
Il corto è realizzato in collaborazione con gli studenti dei corsi di fotografia e post produzione della scuola il punto di cinema.

Trucco sul set

trucco

Contenuto del dato:

Unità 1
• Sviluppo del progetto: armati cartella. Come si affronta il progetto proposto? Che tipo di progetto è? Il Design di produzione. Budget di sviluppo del progetto. Presentazione Del Fascicolo.
• Definizione di una linea di storia, trama, sagoma, sceneggiatura.
• Struttura narrativa in tre atti: inizio, metà e fine. Punti di svolta e climax. Esempi con i film.

Unità 2
• Legge del film: la legge del cinema, il nuovo piano di sviluppo. Assunzioni di tecnici, con un contratto di lavoro, contratto di noleggio, cessione di diritti, i diritti di copyright.
• Budget per voci, aprire budget, business plan e piano economico-finanziario.

Unità 3
Campo di lavoro:
• Piano di ripresa, di sviluppo e di controllo. Esempi.
• Strategie di lavoro in relazione al lavoro in team.
• Organizzazione e aspetti da prendere in considerazione un servizio fotografico. Esempi.
• Fogli di lavoro di un film: i programmi di produzione / payroll contatto / Piano-gazzetta di riprese, programma di foglio di calcolo di costi / produzione di report / piante-luci-e-camera / story board
• Cartella di progetto: presentazione.

Pubblicato in film

La creatività nella produzione di film

produzione di film
Tra tutte le professioni legate all’industria cinematografica, il mestiere del produttore è probabilmente la meno riconosciuta e, allo stesso tempo, il più difficile da definire. La sua complessità è dato dal suo profilo, un raccoglitore di diverse funzioni specifiche richiedono una varietà di conoscenze sia teoriche che pratiche. La stessa parola del produttore, può essere considerato, come alcuni autori hanno evidenziato– è un termine ambiguo e polisemico, in riferimento alle diverse specialità[1].

Dalle sue origini, il lavoro del produttore ha riguardato sia le competenze finanziarie e amministrative in modo creativo, senza essere –da un punto di vista concettuale– una forzata dominanza di una o nell’altra direzione; solo l’evoluzione vissuta dal settore, nonché le competenze di coloro che hanno servito questo ufficio, hanno fatto pendere la bilancia in favore del know-how tecnico, o, al contrario, la capacità creativa, l’ultima è la qualità meno comune.

Concetto e tipi di produttori 

Con l’eccezione dei nomi dei legali e accademico, è difficile condensare il significato del termine produttore. Quindi, spesso, anche i tentativi di definizione sono stati più descrittivo che concettuale. Come cast illustrativo di alcune delle definizioni di questo profilo professionale contenute in libri specializzati possono essere menzionati i seguenti:

–La persona che ha avviato un progetto in tutti i suoi aspetti, logistico e finanziario[8].
Tutte queste definizioni –esposto, negli ultimi decenni, da parte di autori da entrambi i lati dell’Atlantico coincidono in evidenza come una caratteristica essenziale del produttore, in condizione di estrema responsabilità nello svolgimento del lavoro film e, come tale, il suo / la sua condizione di potere legittimo il controllo e la supervisione del processo di produzione. Inoltre, all’interno di quella sfera di responsabilità del produttore, queste definizioni pongono una maggiore enfasi sulle questioni economico-finanziarie, organizzative e creative. Tuttavia, è importante evitare il più possibile il riduzionismo, perché, come discusso di seguito, se qualcosa caratterizza il lavoro del produttore è il suo ampio spettro di competenze.

 

Regista cinematografico sul set

regista cinematografico
In ogni caso, è comprensibile per mettere l’accento sulla responsabilità economiche come il campo stesso ed indispensabili per questo ufficio. Spesso è stato definito dal produttore come “imprenditore”[11]. Questa descrizione, tuttavia, non deve essere intesa in un strettamente commerciale, perché, come alcuni autori hanno sottolineato, “il mestiere del produttore, che comprende sia il contributo creativo come la gestione finanziaria”[12]. Tale considerazione ulteriormente arricchire il produttore aveva già difeso a metà degli anni sessanta da Friedrich Mörtzsch, che affermava quindi:
I produttori del film sono, più o meno, gli uomini d’affari, ( … ). Bisogno di fare conti e calcoli, per dimostrare lo spirito di impresa (…). Ma per questo, deve anche possedere qualcosa di che temperamento artistico e che sono montati con i loro partner, perché solo in questo modo potrà capire e accogliere il tuo stile e le competenze (…)[13].

Si può intuire, quindi, che il produttore cinematografico si sta muovendo in una costante dualità –che non è facile da risolvere in modo soddisfacente– come è l’ottenimento di un audiovisivo di lavoro che corrispondono alla qualità artistica, commerciale redditività. A superare questa sfida è proprio l’attrattiva della professione.

La figura del produttore creativo 


Finora abbiamo visto la complessità nel definire rigorosamente il lavoro del produttore, senza cadere in una visione attuale e impoverendo. Questa difficoltà è data sia dalla varietà di attività per la produzione comprende come la prassi differenti professionisti sviluppato in tutta la storia. In ogni caso, c’è una certa unanimità di dire che il mestiere del produttore comprende non solo le competenze, economico-finanziario e organizzativo, ma anche creativo. Se il primo appartengono all’ambito delle loro responsabilità, più direttamente, la seconda è una qualità che è meno applicabile e, pertanto, non è così frequente.

Senza andare tanto lontano, alcuni degli autori citati sopra evidenziano un modo o nell’altro la creatività come qualità intrinseca di questa professione. Così, per esempio, Jesse L. Lasky –uno dei primi produttori del film, rispetto al produttore con un “demiurgo creatore”[35]. Gli altri lo descrivono come un “visionario creativo”[36], con un grande temperamento artistico”[37], “potere creativo e la fantasia”[38]. E Bruce Houghton, più di recente, riassume: “Un buon produttore, in termini di stimolante e creativo, si deve essere egli stesso creativo”[39].

Pubblicato in film